Da Palazzo Chigi si fa notare che il ruolo del premier italiano, riconosciuto ufficialmente dalla controparte libica, che l’ha pubblicamente ringraziato, non e’ pero’ volto a suscitare cori di ringraziamenti.

Questo e’ il messaggio del governo italiano, riferito dall’inviato della radio svizzera (Rsi), durante il lungo ed esaustivo servizio dedicato alla liberazione del suo connazionale, Max Goelbi, avvenuta lunedi’ scorso.

E in effetti di ringraziamenti per il premier non ce ne sono proprio stati ma, a dirla tutta, neppure per la consigliera federale e per l’intero  governo elvetico.

L’opinione pubblica dei cantoni non ha apprezzato affatto la gestione di questi due anni di crisi con la Libia e, ancor meno, questa sorta di umiliante Canossa, dove la ministra si e’ dovuta inchinare davanti al dittatore.

Nel podcast piu’ sotto potete ascoltare l’intero servizio sulla vicenda e osservare quanto vero e fattivo sia stato l’impegno del Cav., mantenuto comunque in secondo piano pur di lasciare al rappresentante spagnolo dell’Ue la ribalta e i riconoscimenti per il lavoro diplomatico svolto dall’Europa.

E’ scontato che piacciano poco ai nostri confinanti elvetici le foto opportunity con Berlusconi e Gheddafi, ripresi in atteggiamenti da vecchi amiconi, comprensibilmente  piacciono poco a una grande parte del mondo. Ma il premier e’ cosi’ con tutti, sorrisi, pacche sulle spalle, abbracci  e lepidezze, sia che incontri Barack Obama sia che accolga Angela Merkel.

E’ chiaro che di questo Berlusconi e’ consapevole e lo dimostra il fatto che l’ufficialita’ delle dichiarazioni sulla vicenda l’ ha delegata al ministero degli esteri, guardandosi dal convocare la stampa per vantare anche il merito del rilascio dei tre pescherecci e dell’intero equipaggio, vittima anch’esso dei sequestri da parte dei vicini libici.

Ascolta il gr >

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

2 Comments

  • Lontana scrive:

    Ho notato anche io la stessa cosa. Siccome ricevo una news-letter
    da un giornale svizzero, ero rimasta stupita che, nel parlare della
    liberazione del tizio, si faceva un riferimento vago alla
    diplomazia…Di Berlusconi neanche una parola, si sono dimostrati
    veramente cheap. Ciao! :-))

  • Kalmha scrive:

    Nel podcast si sente un notiziario che da’ grande risalto al lavoro
    dellUnione europea e della Germania ma poi dedicando una buona
    parte della trasmissione al lavoro compiuto da Berlusconi, fa
    capire che il premier e’ stato importante ma che non si deve
    esaltarne il ruolo avuto nella vicenda. Ciao Lontana! :-) Rita

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE