Dite che non e’ vero!

26 febbraio 2010

Mancano pochissime settimane al prossimo giudizio universale o regionale che dir si voglia, un giudizio che pareva scontato, fino a una manciata di giorni fa. Nonostante il gatto nero aggrappato alle zone piu’ sensibili delle carni del centrodestra, impersonato dall’implacabile fustigatore Gianfranco Fini, i sondaggi davano una forte affermazione del Pdl con la conquista di nuove regioni oggi in mano al Pd.

Poi, come in ogni lunghissima vigilia elettorale che si rispetti, i magistrati del “questa e’ casa mia e qui comando io, guai a chi ci toglie mezzo privilegio!” sono scesi nell’agone elettorale e, a forza di intercettazioni e apocalittici verbali, hanno diffuso disgusto e diffidenza tra i simpatizzanti del centrodestra.

Per fortuna anche questa onda anomala giudiziaria, come tante altre volte, si e’ ritirata senza lasciare troppe tracce e il bersaglio Bertolaso, colpito per colpire Berlusconi, sta recuperando, passando di tv in tv, il suo smalto di lavoratore indefesso per il bene delle vittime di ogni calamita’ naturale.

Ora si riparte, tutti uniti e pancia in sotto, ordina il premier, almeno uniti fino al 28 marzo, poi si vedra’ come affrontare i problemi interni alla coalizione.

Questo si chiama opportunismo politico e buonsenso da leader responsabile.  Pero’, incredibile ma vero, il gatto nero non solo non ha mollato la presa ma si e’ ancor piu’ abbarbicato alle parti molli del Pdl, affondandovi le unghie e i denti con maggiore decisione.

Per favore, qualcuno dica che non e’ vero niente, che non esiste nessuna accellerazione dell’attivismo egocentrico del co-fondatore del Popolo della liberta’.

Qualcuno spieghi, oltre al volenteroso Bocchino, che Fini non e’ un irresponsabile planetario e tutto quello che si dice sulle sue mosse anti-berlusconiane, operate nel momento piu’ delicato per qualunque forza impegnata in campagna elettorale, sono una invenzione di Paola Di Caro e di tutti i retroscenisti par suo.

Se Fini incontra Pisanu, Casini e D’Alema dite che sta solo organizzando una battuta di caccia subacquea, perche’ di progetti disfattisti non ne ha e che, seppure ne avesse, li trattera’, fosse pure con Di Pietro in persona, in aprile pero’, dopo le regionali.

Ascolta le ultime evoluzioni finiane lette da Bordin

3 Comments

Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE